PER RIFLETTERE

Dall’attualità alla voce del nostro esperto - Dr. Mario Campanella, volontario Movimento per la Vita Saluzzo

Libertà di opinione o pensiero unico?

Image

Prima di tutto il fatto: un’associazione privata chiede al Comune di Roma l’autorizzazione ad affiggere un grande manifesto e la ottiene dopo aver pagato la tariffa corrispondente. Il manifesto viene quindi correttamente posizionato nello spazio individuato.



Nel giro di pochissimo tempo il Comune guidato dal Sindaco Virginia Raggi cambia idea e fa rimuovere il manifesto perché, si dice, potrebbe urtare la sensibilità individuale di qualcuno.


Cosa c’era di così sconvolgente in quel manifesto? Quali erano le affermazioni o le immagini che andavano allontanate immediatamente dalla vista dei cittadini?



Semplicemente queste: l’immagine di un embrione sulla quale si sottolinea che il suo cuore inizia a battere nell’utero dopo soli 20 giorni dal concepimento, che ad 11 settimane di gravidanza tutti gli organi sono formati e che addirittura il piccolo può già succhiarsi il dito pollice. Il tutto corredato dalla frase “tu eri così a 11 settimane ed ora sei qui perché tua mamma non ti ha abortito”.



Verità inconfutabili che la scienza ci ha dimostrato ormai da decine di anni e che non dovrebbero stupire più di tanto.



Certo una verità che per qualcuno può essere scomoda, che invita a riflettere, soprattutto che cerca di far luce in maniera scientificamente corretta sul dramma dell’aborto, che troppo spesso è stato banalizzato, sminuito (dal 1974 ad oggi sono più di 6.000.000 gli aborti legali in Italia !!!), addirittura nascosto attraverso la manipolazione del linguaggio. Una realtà che invece è e sarà sempre esperienza dolorosa, non soltanto per il piccolo bambino che non potrà continuare a vivere, ma anche per la madre che dovrà prendere la decisione di perderlo (magari nella solitudine o nell’indifferenza delle persone che le stanno intorno).



Un manifesto non banale, che voleva evidenziare la problematicità di una tematica (quella dell’aborto e di conseguenza della denatalità) che sta assumendo già da molti anni una forte rilevanza sociale e di fronte alla quale si è avviata da tempo una grande riflessione anche politica, in una società italiana che invecchia sempre di più e per la quale sembra ci sia poca speranza per il futuro.



Ciò che però, a mio avviso, rende la vicenda ancora più triste, è la viltà del gesto della Amministrazione capitolina, tra l’altro in palese contrasto con l’art. 21 della nostra Costituzione (“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”).



Solo chi ha un pensiero debole ha paura del confronto sugli argomenti, solo chi crede di possedere la verità non riesce ad ascoltare pareri diversi dal proprio, solo chi non ha argomenti a sostegno di una tesi cerca di impedire agli altri di esprimere le loro idee.



Se ognuno di noi dovesse far rimuovere tutti i manifesti che urtano la propria sensibilità individuale verosimilmente i muri delle nostre città e dei nostri paesi sarebbero spogli. Grazie a Dio invece viviamo ancora in una democrazia in cui tutti possono esprimere idee ed opinioni personali (anche se nella passata legislatura il governo di centro-sinistra aveva provato, invano, a legiferare per diminuire tale diritto).



Non sarà quindi l’iniziativa estemporanea di un’Amministrazione sempre più in difficoltà ad impedire agli italiani di esprimere con forze le loro idee, anche quelle meno “politicamente corrette”.

Iniziative ed eventi

“VITA…CONTROVENTO”: ecco il tema della 2ª edizione del concorso fotografico

Image
Dopo il grande successo della prima edizione, anche per il 2018 torna il concorso fotografico promosso dal nostro Centro e dedicato a tutti, dai 14 e fino ai 100 anni!

Il tema scelto è “Vita. . .controvento – L’uomo scopre se stesso quando si misura con l’ostacolo”: gli scatti dovranno, quindi, “raccontare” la forza della vita di fronte alle difficoltà e agli “sgambetti” che, a volte,  ...   
Image

“VITA…CONTROVENTO”: ecco il tema della 2ª edizione del concorso fotografico

Dopo il grande successo della prima edizione, anche per il 2018 torna il concorso fotografico  ...   

Leggi tutto

CENTRO DI AIUTO ALLA VITA utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento